Top banner
CANADA: Un disastro economico e sociale a causa delle restrizioni allo svapo?

CANADA: Un disastro economico e sociale a causa delle restrizioni allo svapo?

È un vero e proprio tsunami economico e sociale che potrebbe colpire il Canada nei prossimi mesi a seguito di terribili decisioni contro lo svapo. L'analisi rivela che il 90% dei negozi di vaporizzatori chiuderà i battenti entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge se verranno applicate le restrizioni sugli aromi. Un disastro !


VERSO LA DISTRUZIONE DI UN'INDUSTRIA CHE LOTTA AL FUMO?


La Canadian Vaping Association (CVA) ha costantemente denunciato gli effetti negativi sulla salute pubblica delle restrizioni proposte sui prodotti da svapo aromatizzati. Oggi è suonato il campanello d'allarme perché il disastro è imminente. In un recente comunicato ufficiale, l'associazione è particolarmente preoccupata per i professionisti del settore.

La Canadian Vaping Association (CVA) ha ripetutamente denunciato gli effetti negativi sulla salute pubblica delle restrizioni proposte sui prodotti di svapo aromatizzati. Questo danno è stato chiaramente articolato dall'industria e dai sostenitori della riduzione del danno da tabacco. Dall'inizio delle elezioni, più di 500 fumatori canadesi sono morti per malattie legate al fumo. Poiché l'industria dello svapo canadese, composta principalmente da piccole imprese di proprietà di fumatori pentiti, lavora instancabilmente per educare e salvare vite umane, le proibitive normative sullo svapo sui sapori stanno contribuendo a distruggere quelle stesse attività.

Mentre l'impatto sulla salute pubblica di un divieto di sapore è ampiamente discusso, l'impatto sulle piccole imprese canadesi è molto minore. Nella sua proposta di vietare gli aromi, Health Canada riconosce che le restrizioni sugli aromi andrebbero a vantaggio in modo sproporzionato delle grandi aziende straniere, approfondendo al contempo il modello di business delle piccole aziende canadesi. I danni collaterali causati dalla chiusura delle piccole imprese e dalla perdita di migliaia di posti di lavoro canadesi sono apparentemente conseguenze accettabili per Health Canada.

Queste conseguenze sono illustrate dal divieto di aromi in Nuova Scozia, entrato in vigore il 1° aprile 2020. Prima del divieto di aromi, la Nuova Scozia aveva 55 negozi specializzati. Entro 60 giorni dall'entrata in vigore delle restrizioni, 24 negozi hanno chiuso. Ad oggi restano aperti 24 negozi specializzati, di cui 14 hanno dichiarato di voler chiudere se l'azione legale in corso non avrà esito positivo, e 10 intendono rimanere aperti, ma non sono sicuri che ciò sia possibile a lungo termine.

Attualmente, ci sono circa 1 negozi specializzati in Canada. L'analisi del settore rivela che il 400% di questi negozi chiuderà entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge se verranno applicate le restrizioni sugli aromi. L'industria dello svapo indipendente (non affiliata al tabacco) impiega quasi 90 persone. Le restrizioni sui sapori stanno mettendo a rischio più di mille piccole imprese e migliaia di posti di lavoro in un momento in cui le economie locali sono particolarmente fragili.

È allarmante che un dipartimento canadese abbia proposto una politica che, per sua stessa ammissione, danneggerà le imprese canadesi e favorirà le imprese straniere. È comune per i paesi attuare politiche protezionistiche, ma Health Canada ha scelto un percorso che spazzerà via un'industria canadese e ucciderà migliaia di fumatori ogni anno.

 

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).