AIDUCE: lo scandalo dei fumatori sacrificati

AIDUCE: lo scandalo dei fumatori sacrificati

A seguito del voto dei deputati sugli aspetti della legge sulla salute relativi alla sigaretta elettronica, L'AIDUCE (Associazione indipendente di utenti di sigarette elettroniche) ha deciso di pubblicare un comunicato stampa che vi trasmettiamo qui.

L'Aiduce osserva oggi con sgomento - ma purtroppo senza troppa sorpresa - il voto dei deputati su aspetti della legge sulla salute relativi alla sigaretta elettronica, il divieto della sua pubblicità o il suo uso in molti luoghi il governo ha recepito nel diritto francese l'articolo 20 della direttiva europea sui prodotti del tabacco.

Pertanto, i nostri sforzi incessanti, sostenuti da molti specialisti per presentare ai funzionari eletti la realtà dello svapo e l'enorme potenziale in termini di salute pubblica di questo strumento che ha permesso al francese 1.000.000 di smettere di fumare, non avranno non pesava pesantemente di fronte alle cosiddette "seduzioni" di un gesto, o al rischio immaginario di vedere gruppi di giovani precipitati nella Geenna fumante. Alla realtà dei fatti, come sono stati esposti dalla maggior parte delle istituzioni e scienziati francesi e stranieri, alla chiamata dei medici francesi 120 e ai risultati del lavoro svolto sotto l'egida delle autorità sanitarie di un paese che sta veramente fermando una pratica mortificante, i nostri deputati avranno preferito la vertigine della loro immaginazione fertile, o la politica valorosa della ghirlanda.

E, soprattutto, a un obiettivo di riduzione del rischio responsabile, o alla salute di coloro che hanno tenuto lontano dal tabacco attraverso la sigaretta elettronica - o coloro che potrebbero essere stati molti ancora - avranno preferito la loro immagine e la falsa illusione che saranno dati alla "lotta contro la Bestia." Annotato. Ma le illusioni si dissipano, e il futuro da solo ci dirà se qualche "scandalo dei fumatori sacrificati" un giorno ricorderà loro il coraggio che oggi hanno rifiutato di mostrare.

Non contenti di ostacolare l'uso di un prodotto colpevole di non lasciare le fabbriche dell'industria farmaceutica, avranno intonato le disposizioni contro il tabacco per vietare la comunicazione e l'espressione su questo semplice prodotto di consumo che non non lo contiene nemmeno. Quel francese 1.000.000 salvato dal fumo tace! Il legislatore ora proibisce loro di dire che lo svapo ha avuto successo per loro.

Per Aiduce, tuttavia, la lotta continua. In ottobre 2014, il Consiglio di Stato ha emesso riserve e raccomandazioni in merito ai divieti sulle sigarette elettroniche che non rispettano i principi costituzionali su cui si basa la Repubblica. Ora dobbiamo rivolgerci a queste giurisdizioni amministrative superiori per garantire che la vera salute pubblica e la fondamentale libertà di agire o parlare senza danneggiare gli altri siano sacrificate per sempre a verbosità, speculazione e atteggiamenti. , tranne per alcuni interessi industriali o corporativi.

Oltre alle questioni legate al fumo o alla salute pubblica, agiremo anche per proteggere i cittadini di questo paese dall'immaginazione troppo fertile di alcuni dei nostri funzionari eletti, dallo spettacolo politico e dalla sua processione di disinformazione e dal rischio di vedere cadere su di loro divieti sempre più arbitrari e improbabili.

Fonte : AIDUCE

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

CEO di Vapelier OLF ma anche editore di Vapoteurs.net, è con piacere che lascio la mia penna per condividere con voi le notizie dello svapo.