CONTROLLO DEL TABACCO: Stati esclusi dalla prossima conferenza mondiale?

CONTROLLO DEL TABACCO: Stati esclusi dalla prossima conferenza mondiale?

L'Organizzazione Mondiale della Sanità vuole escludere gli stati produttori di tabacco dalla prossima conferenza mondiale sull'argomento. Ma è davvero una buona idea?

Tra pochi mesi, l'India ospiterà a New Delhi le più grandi amministrazioni sanitarie del mondo per pensare a nuove normative sul tabacco. Queste nuove linee guida avranno un impatto su tutti i paesi del mondo; tuttavia, diverse dozzine di stati non saranno in grado di partecipare al dibattito 2016 di novembre, o COP 7, secondo fonti interne.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è l'agenzia responsabile per la salute pubblica delle Nazioni Unite (ONU). Si riunisce ogni due anni nel contesto della sua convenzione quadro sul controllo del tabacco. Questi incontri operano in maniera parlamentare e mirano a controllare la produzione e il consumo di tabacco. Più di 180 paesi saranno rappresentati alla settima edizione della New Delhi Party Conference (o COP 7), dall'7 all'12 di novembre.


OMS logoEscludere gli stati legati al tabacco


Nei documenti pubblicati dalla Convenzione quadro, l'OMS chiede "l'esclusione dei rappresentanti degli Stati con un monopolio, anche parziale, in qualsiasi industria del tabacco". Inoltre, la Convenzione quadro spera di vietare "rappresentanti e funzionari eletti dei rami esecutivo, legislativo e giudiziario dei governi interessati" per partecipare alla conferenza. Questo sforzo di escludere i delegati con qualsiasi rapporto con l'industria del tabacco escluderebbe alcuni ministri delle finanze e rappresentanti nei settori della sanità pubblica e dello sviluppo economico.

Inoltre, i governi sono responsabili per oltre il 40% della produzione mondiale di tabacco. Diversi paesi sovvenzionano i centri di ricerca e promuovono le agenzie di promozione per intensificare le esportazioni. Ad esempio, Cina, Cuba, Egitto, Bulgaria, Tailandia e persino India, paese ospitante per le riunioni della Convenzione quadro di novembre, non potranno avere il diritto di rappresentanza. a questa conferenza.

Dal lato degli organizzatori del COP 7, questa esclusione degli attori che hanno relazioni con le compagnie del tabacco è legittima. I rappresentanti di questi paesi hanno ha messo in guardia gli interessi di sanità pubblica in gioco nelle discussioni precedenti », secondo fonti interne.

Il boicottaggio di partecipanti e rappresentanti della conferenza non è un nuovo fenomeno per la Convenzione quadro. Peggio ancora, la convenzione ha un mandato di lunga data per prevenire le persone il tabacco rappresenta-per-il-stato-di-ASPIRAZIONE d-argent_2163113_800x400lavorare in questo settore per partecipare o essere rappresentati. Ad esempio, alcuni agricoltori indiani che lavorano per l'industria del tabacco lamentano queste rigide politiche e sentono che, ancora una volta, sono i poveri a soffrire.

"Piuttosto che affrontare questo problema di giustizia sociale, gli oligarchi dell'OMS si incontreranno in India alla settima conferenza del partito (COP 7) come parte della Convenzione quadro dell'OMS di novembre sul controllo del tabacco. 2016"dice Javare Gowda, presidente dell'associazione degli agricoltori della Federazione indiana, durante una discussione pubblica con parlamentari indiani tenutasi giovedì scorso a Nuova Delhi.

"Questa conferenza peggiorerà lo stato già precario dei lavoratori indiani che lavorano con le compagnie del tabacco", Egli dice. Ha invitato il governo indiano a inviare una delegazione di agricoltori alla Convenzione quadro per evitare di mettere in pericolo milioni di lavoratori senza migliorare la salute pubblica.


carac_photo_1I giornalisti espulsi


A differenza degli agricoltori indiani, i media sono autorizzati a partecipare alla conferenza, ma non sono autorizzati a osservare le discussioni. Ad esempio, al 6 2014 COP di Mosca, "i media furono sistematicamente espulsi dalle riunioni senza spiegazioni", secondo Drew Johnson, un giornalista Visitatore quotidiano che copre regolarmente la conferenza biennale. Johnson indica che lo era "minacciato di arresto, quindi espulso fisicamente da presunti incontri pubblici".

Se la messa al bando dei media, così come ogni individuo con legami con compagnie del tabacco è diventato un luogo comune alla Convenzione quadro, vietare ai rappresentanti eletti ufficiali di rappresentare il loro paese a queste conferenze è un nuovo passo per un'agenzia delle Nazioni Unite.

Lawrence Huber, direttore esecutivo di Action on Smoking and Health (ONG con sede negli Stati Uniti), anticipa nel Huffington Post che il risultato di questi negoziati sarà "aumentare il controllo sui prodotti dell'industria del tabacco e successivamente aumentare le tasse su questi prodotti".

Fonte : contrepoints.org

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore e corrispondente Svizzera. Vapoteuse da molti anni, mi occupo principalmente di notizie svizzere.