BELGIO: Una tassa sullo svapo dal 2024 con il sostegno dell'Europa?

BELGIO: Una tassa sullo svapo dal 2024 con il sostegno dell'Europa?

In Belgio il governo federale, in fase di redazione del bilancio 2023, è alla ricerca di entrate e potrebbe molto rapidamente passare allo svapo per riempire le sue casse. Infatti, se il tabacco rimane una buona vena per le finanze dello Stato, una tassa sui prodotti da svapo del 2024 potrebbe consentire al governo di incassare più di 200 milioni di euro. 


UNA TASSA SUL VAPORE? IL TEMA ESSENZIALE!


Il governo federale lo ha capito, lo svapo oggi rappresenta una vera vena per riempire le casse di tasse. Secondo i piani del governo, l'imposizione di accise sui prodotti da svapo avverrebbe nel 2024. Ciò porterebbe le accise a 200 milioni di entrate. In questa fase, non ci sono dettagli sul tipo di prodotti del tabacco alternativi che sarebbero presi di mira.

Sigarette, sigari e tabacchi lavorati sono soggetti a tassazione obbligatoria a livello europeo. L'ultima direttiva che disciplina questi prodotti e impone un minimo di accise risale al 2011 (Direttiva 2011/64/UE). Le sigarette elettroniche, i prodotti da svapo e i prodotti a base di tabacco riscaldato sono entrati nel mercato dopo questa data e non sono soggetti a una politica europea delle accise obbligatoria. Tuttavia, nulla impedisce agli Stati membri di tassarli dalla loro parte, cosa che il Belgio sta per fare.

L'Europa potrebbe, entro il 2024, facilitare il lavoro del Belgio. È prevista una revisione della Direttiva Europea sui Prodotti del Tabacco. Già discusso negli ultimi anni, il progetto di revisione non è all'ordine del giorno della Commissione Europea nel 2022 ma potrebbe essere nel secondo trimestre del 2023. La decisione di imporre accise sui prodotti alternativi del tabacco sarebbe nel menu.

Da parte sua, il Fondazione belga per il cancro lo considera una buona cosa, ma porta delle sfumature. Si disse « pienamente d'accordo con il parere del Consiglio Superiore della Sanità che consiglia di imporre tasse sulle sigarette elettroniche« . Ma, dice la Belgian Cancer Foundation, « non raccomandiamo una tassa alta come sulle sigarette convenzionali. In effetti, le sigarette elettroniche devono rimanere accessibili perché sono interessanti in termini di disassuefazione dal fumo. Ed è anche importante che rimangano accessibili anche ai fumatori provenienti da classi socio-economiche svantaggiate in cui ci sono più fumatori.« .

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.