Top banner
POLITICA: Covid, oppioidi e tabacco, l'azienda McKinsey ha consigliato anche lo svapo!

POLITICA: Covid, oppioidi e tabacco, l'azienda McKinsey ha consigliato anche lo svapo!

Sconosciuto qualche anno fa agli occhi del grande pubblico, oggi è impossibile non aver sentito parlare di " McKinsey“, la famosa azienda che ha consigliato il governo francese durante l'emergenza sanitaria del Covid-19. Eppure quello che potresti non sapere è che la famosa azienda è vicina all'industria del tabacco da decenni e ha persino lavorato con il settore dello svapo fino al 2019. 


MCKINSEY IN CONFLITTO DI INTERESSI CON LA FDA?


Emmanuel Macron, McKinsey, fai il collegamento? Stiamo ovviamente parlando di questo scandalo durante la crisi del Covid-19 riguardante la gestione della pandemia. In un libro di recente pubblicazione (Quando McKinsey arriva in città: l'influenza nascosta della società di consulenza più potente del mondo), giornalisti investigativi Walt Bogdanich et Michele Forsythe tracciare i numerosi legami instaurati tra la società di consulenza McKinsey & Company e le industrie del tabacco e dello svapo. Questa storia, finora poco conosciuta, è tanto più dannosa in quanto McKinsey è diventato, per vent'anni, un partner abituale delle autorità di molti paesi nel campo della salute pubblica.

Ancora sfortuna? Difficile da dire. Tuttavia, l'azienda McKinsey ha consigliato Altria e diverse altre multinazionali del tabacco fino al 2021 prima di attaccare direttamente la salute pubblica. Ancora più sorprendentemente, la società di consulenza avrebbe lavorato anche per l'azienda JUUL dal 2017 al 2019, esercitando dal 2009 per la FDA e per altre istituzioni sanitarie.

Anche se McKinsey ha consigliato il Food and Drug Administration (FDA) A partire dal 2009, quando i suoi poteri sono stati estesi ai prodotti del tabacco, gli attuali ed ex funzionari della FDA alla domanda su McKinsey hanno affermato di « sconcertato e sorpreso » per scoprire oggi i legami della società di consulenza con l'industria del tabacco. Eppure è un importo totale di 77 milioni di dollari USA che McKinsey ha ricevuto per intervenire più di trenta volte per la FDA con diversi incarichi per il Center for Tobacco Products, che regola i prodotti del tabacco e della nicotina.

Alla domanda sul conflitto di interessi che questa posizione potrebbe causare, un portavoce di McKinsey ha affermato di non aver riscontrato alcun problema, poiché l'azienda non avrebbe mai consigliato alla FDA un prodotto specifico.


MCKINSEY HA PARTECIPATO AL SUCCESSO DI JUUL!


Dopo il tabacco, McKinsey è stato contattato da JUUL. Nel 2015, il marchio americano voleva fare un passo verso il mercato della cannabis, ma McKinsey ha rifiutato questa missione sulla base del fatto che la cannabis non era ancora legale all'epoca, ma sarebbe diventata un fornitore JUUL dal 2017.

La reputazione di JUUL cominciava già a macchiarsi in questo momento, è sotto il sigillo del segreto che molte missioni sono state compiute per JUUL da McKinsey, riguardanti il ​​marchio, l'organizzazione, la valutazione degli aromi, la vendita al dettaglio, la prevenzione dei giovani e questioni normative. McKinsey ha consigliato in particolare JUUL quando è stato contestato dalla FDA per il suo ruolo nell'attuale epidemia di svapo tra giovani e adolescenti.. McKinsey ha anche condotto studi sul sapore con giovani di età compresa tra 13 e 21 anni, senza trovare da ridire sulla natura etica di questa ricerca.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.