Top banner
CULTURA: “Cancro, quali sono i rischi? », Un libro che sostiene il ritiro totale per ridurre il rischio.

CULTURA: “Cancro, quali sono i rischi? », Un libro che sostiene il ritiro totale per ridurre il rischio.

Lo svezzamento totale è la soluzione per porre fine al tabacco? Se ovviamente abbiamo l'abitudine di offrire la sigaretta elettronica come soluzione, si alzano alcune voci per suggerire altre alternative. Questo è il caso di Dr. Martine Perez e Pr Béatrice Fervers chi attraverso il libro " Cancro quali rischi? » pubblicato da Edizioni Quae preferiscono sostenere l'astinenza o addirittura il ritiro totale per ridurre efficacemente il rischio. 


"L'OBIETTIVO FINALE È SOLO FERMARE IL TABACCO E LA SIGARETTA ELETTRONICA"


In « Cancro quali rischi? Pubblicato da Quae Editions, Martine Perez e di Beatrice Fervers descrivere le circostanze in cui determinati comportamenti favoriscono l'emergere di questa piaga. Per farti un'idea, ecco un estratto dal libro attualmente venduto a Amazon per 19,50 Euro. 

“L'unico modo per ridurre il rischio di cancro legato al tabacco, per il fumatore come indirettamente per i suoi parenti, è il ritiro totale. "

Alcuni paesi si sono impegnati in strategie di controllo del tabacco a lungo termine, come l'Australia o la Nuova Zelanda, con risultati interessanti, poiché la percentuale di fumatori in questi paesi è scesa al di sotto del 15%. Le politiche pubbliche aumentano drasticamente e drammaticamente il prezzo del pacchetto di sigarette, vietano il tabacco in tutti i luoghi pubblici all'interno e all'esterno e impongono il pacchetto neutro e la vendita sottobanco (i pacchetti non sono più esposti), ma anche aiuti gratuiti per smettere di fumare o massicce multe per i tabaccai che vendono tabacco a meno di 18 anni ... hanno contribuito a ottenere questi risultati molto favorevoli sui consumi che continuano a diminuire. La volontà politica è l'unico fattore che consentirà di ridurre il fumo in Francia, dove 30% degli adulti continua a fumare regolarmente.

Ma come smettere di fumare? In primo luogo, evitando di iniziare naturalmente, perché allora, dato che è un prodotto avvincente, è molto difficile smettere. Sfortunatamente, non esiste un metodo per smettere di fumare offrendo le probabilità di successo di 100%. 

“Prima strategia antifumo: puoi provare a smettere da solo. A volte la forza di volontà lo rende possibile. "

Altrimenti, il secondo passo è consultare il tuo medico di famiglia. È stato dimostrato che la consulenza individuale sul tabacco, un'intervista di dieci minuti con un professionista della salute che stimola la volontà e dimostra il valore dello svezzamento per la salute, moltiplica per 1,4 le possibilità di successo del giudizio. Le terapie di gruppo (tecniche cognitivo-comportamentali) hanno anche dimostrato la loro efficacia, ma non molto meglio della consulenza individuale. Sostituti di nicotina in tutte le loro forme (gengive, cerotti ...) moltiplicano per 1,5 1,7 le probabilità di successo dei tentativi di smettere di fumare.

“Le sigarette elettroniche a volte sono raccomandate dai pneumologi per smettere di fumare. Secondo l'Inpes Health Barometer 2014, un fumatore che usa anche una sigaretta elettronica ridurrebbe il suo consumo di tabacco, in media, di nove sigarette al giorno. Ma l'obiettivo finale è ovviamente la cessazione definitiva del tabacco in tutte le sue forme e la sigaretta elettronica che rimane un tappabuchi. "

Dal punto di vista politico, è dimostrato che una delle misure più efficaci per incoraggiare i fumatori a smettere di fumare è l'aumento molto diffamato dei prezzi dei tabaccai. Come parte del primo piano per il cancro, tra 2002 e 2004, il prezzo del pacchetto più venduto è passato da 3,6 a 5 di euro. Questa significativa tassazione ha comportato un calo delle vendite di 33% di sigarette tra 2002 e 2004 e un calo del numero di fumatori. Per l'OMS, gli aumenti dei prezzi sono il metodo più efficace per ridurre i consumi. Un aumento del 10% del prezzo pagato dal consumatore riduce le vendite di 4% e ha un impatto ancora maggiore sui giovani (- 8% delle vendite che li riguardano) e sulle persone in situazioni precarie.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.