Top banner
E-CIG: il mercato cadrà da 10% a 2015!

E-CIG: il mercato cadrà da 10% a 2015!


Questo articolo ci fornisce approfondimenti basati su uno studio che purtroppo non tiene conto di alcune cose. Gli scenari potrebbero essere coerenti se non ci fosse il recepimento della direttiva sul tabacco che ovviamente stravolgerà tutto questo. È chiaro che il posizionamento dell'industria del tabacco sarà "attivo" in vista dell'investimento attuato da tempo. Nessuno può prevedere cosa accadrà dopo maggio 2016, ma c'è un dato che sembra corretto, ovvero che alla fine sono proprio i piccoli negozi e gli indipendenti che rischiano di non prendere lo shock. Ci sarà un crollo del mercato dello svapo? Ci sarà un grande mercato nero lì? Big Tobacco assumerà il pieno controllo del mercato? È chiaramente difficile prevederlo in questo momento con uno studio.



Dopo 4 anni di crescita folle, i marchi specializzati in sigarette elettroniche stanno affrontando la sfida della maturità. 400 punti vendita dovrebbero scomparire quest'anno.

Nel 2015 il mercato delle sigarette elettroniche in Francia perderà il 10% del suo fatturato, raggiungendo i 355 milioni di euro, secondo la seconda edizione dello studio " Il mercato delle sigarette elettroniche ”Dal nostro partner Xerfi. Un documento che offre anche uno sguardo al futuro del settore, attraverso tre scenari previsionali.

Ma prima di passare al futuro, diamo uno sguardo al passato. I ruggenti anni Venti, c'era tanta crescita. Giudicate voi stessi: a 395 milioni di euro lo scorso anno, il fatturato totale è triplicato tra il 2012 e il 2014. L'anno scorso è aumentato di nuovo del 43% in 12 mesi.

Per tre anni "saranno aperti in media quasi 2 negozi al giorno", scrivono gli autori dello studio, per i quali "l'economia della sigaretta elettronica non può più essere considerata marginale", poiché rappresenta ora il 2,2% del mercato dei prodotti del tabacco.

Ma questa euforia non poteva durare: “Le prime chiusure e cambi di attività [di negozi specializzati] si sono moltiplicati alla fine del 2014-inizio 2015. E il movimento è destinato a crescere: le reti di specialisti sono inesorabilmente costrette a crescere. consolidare ", avverte Xerfi. Il numero di punti vendita, che ha raggiunto le 2 unità lo scorso anno, diminuirà del 406% nel 17, attestandosi a circa 2015.

Meno 10% di CA, meno il 17% dei negozi, si potrebbe pensare che il mercato delle sigarette elettroniche sia condannato. In realtà, è a un bivio. Può svilupparsi e "raggiungere gradualmente un mercato di massa", oppure "tornare a concentrarsi su una nicchia dell'hardcore". Da qui la costruzione da parte di Xerfi di 3 scenari entro il 2018, uno basso, uno mediano e uno alto.

Favorito dalla società di ricerca, lo scenario mediano (50% di probabilità) prevede una crescita media annua dell'8% per raggiungere i 450 milioni di euro di fatturato totale nel 2018. Ottima performance giustificata da "il serbatoio di crescita molto importante (…): il 50% dei fumatori non ha ancora provato le sigarette elettroniche ”, ma ciò implica la realizzazione di alcune ipotesi, visibili nella tabella sottostante.

Quale marca è nella posizione migliore per sfruttare il possibile boom futuro? In termini di numero di location, ecco il podio secondo i dati raccolti a maggio 2015 da Xerfi: J bene (159 punti vendita), Clopinette (80 negozi) e Sì Store (56 negozi).

Lo studio " Il mercato delle sigarette elettroniche: prospettive per il 2018 e cambiamenti nel panorama competitivo È pubblicato da Xerfi, editore indipendente di studi economici settoriali.

Fonte : Journaldunet.com

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Una vera passione appassionata da molti anni, sono entrato a far parte della redazione dalla sua creazione. Oggi sono principalmente coinvolto in riviste, tutorial e offerte di lavoro.