Top banner
EFVI: Un bilancio che lascia a chiedersi ...

EFVI: Un bilancio che lascia a chiedersi ...

Voilà, da ieri sera, l'EFVI, è finita! L'obiettivo di questo " Iniziativa europea per lo svapo gratuito Doveva raccogliere 1 milioni di firme in tutta Europa prima del 25 November 2014, e se molte persone fossero state fiduciose all'inizio dell'anno, niente sarebbe andato come previsto.

10801527_603406009787541_4784703524972724583_n


18% DEL GOAL, UN RISULTATO INSUFFICIENTE! NESSUN PAESE HA RAGGIUNTO LA SUA QUOTA MINIMA!


Nonostante gli sforzi dei volontari e delle persone che hanno portato avanti il ​​progetto, la maionese non ha mai veramente preso. La Francia è riuscita a riunire Firme 28437 su una quota minima di 55/500 soit 51.24%. Gli altri grandi paesi europei hanno ottenuto più o meno gli stessi risultati, solo la Spagna ha tirato fuori la spilla dal suo gioco riuscendo a raggiungere 87% della loro quota minima. Alla fine il risultato resta insufficiente e nessun Paese avrà raggiunto la quota minima. Il progetto " Bullbox "E l'appartenenza a diverse migliaia di vapers non sarà sufficiente per difendere lo svapo davanti al Parlamento europeo, ma probabilmente si trarranno lezioni da questo" fallimento "che, alla fine, potrebbe non essere uno.

10419528_603347369793405_7101500411177781243_n


STEAMERS NON COSÌ "ARRABBIATI" COME QUELLO ...


Questa è la valutazione che si può trarre dalla vita, con una stima di 2.000.000 di vapers in Francia, il progetto " EFVI Avrebbe dovuto diffondersi a macchia d'olio e raggiungere le quote nel giro di poche settimane, ma non è stato così. Nonostante i social network, " Bullbox", L'impegno di molti revisori e media dello svapo siamo stati in grado di renderci conto che molti vapers avevano perso la firma senza nemmeno provare a conoscere l'utilità dell'EFVI. L'obbligo di fornire il numero CNI è una delle ragioni di questo "fallimento" ma non può essere l'unico.

860485_232731903561309_2005631876_o


UN RISULTATO COME LO VAPE ATTUALMENTE?


Non dobbiamo nasconderlo, il risultato è dovuto a tanti fattori diversi, già l'esplosione del fenomeno è recente e non dobbiamo aspettarci un miracolo. Possiamo anche dedurre che il risultato è dovuto all'immagine dello svapo e più in generale della società attuale, ognuno pensa soprattutto al suo interesse e poco all'interesse generale. Nonostante questo ce n'erano ancora di più 180/000 sostenere ciò che lascia speranza per il futuro.


ALLA FINE È QUESTO UN GUASTO? QUALI SARANNO LE CONSEGUENZE DI QUESTO RISULTATO?


efvi-f10

Possiamo infatti dire che il fileEFVI è un fallimento perché l'obiettivo non è stato raggiunto, ma con 180 000 firme, possiamo solo essere mescolati. Diciamo piuttosto che l'EFVI sarà da allora in poi la prima bozza di un progetto più ampio. Dovremo imparare dai nostri errori, ripensare l'organizzazione, il modo di fare le cose e ricominciare per la prossima volta che sia un successo. Sulla carta le conseguenze le conoscevamo tutti, ora dovremo aspettare, continuare a farci sentire e poi tra un po 'sapremo se il futuro dello svapo è seriamente minacciato. Una cosa è certa è che la mancanza di coesione a questo livello, è a noi soli che lo dobbiamo!


IMPEGNO, IDEE E VOLONTARIATO!


Con il gruppo « Vapoteur un giorno, Vapoteur sempre! E scrivere Vapoteurs.net abbiamo partecipato all'EFVI. Desideriamo sinceramente ringraziare e congratularci con tutte le persone che hanno partecipato direttamente o indirettamente a questo progetto. Ci auguriamo che queste 181 firme contribuiscano a scuotere le cose, perché alla fine ci saranno ovviamente lezioni da imparare da questa avventura umana per andare avanti verso quella che viene chiamata " lo svapo gratuito "!

Maggiori informazioni sui risultati :

- Il rapporto su "La mia sigaretta"
- La pagina facebook “Efvi-France”
- Il sito ufficiale dell'EFVI

 

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.

Pop-up di Natale