Top banner
DOSSIER: Vape, idrossiclorochina, stessa lotta per rimedi inquietanti!

DOSSIER: Vape, idrossiclorochina, stessa lotta per rimedi inquietanti!

Il primo è uno strumento di riduzione del danno riconosciuto ma troppo spesso controverso, l'altro è un farmaco antimalarico che risale a più di 70 anni fa. Se nulla di fondamentale sembra collegarli, lo svapo e l'idrossiclorochina possono comunque aiutare a combattere due pandemie ben distinte: quella del fumo e il Covid-19 (coronavirus). Le difficoltà? Critiche infondate? Sebbene difesi da molti scienziati, questi due rimedi sono oggetto di ferocia mediatica e scientifica.


VAPE, IDROSSILOROQUINA, VERSO LA FINE DI DUE PRINCIPALI PANDEMIE?


 Per iscritto, non siamo una "élite" scientifica ed è importante chiarire questo aspetto prima di approfondire un argomento così complesso. Tuttavia, ciò non può impedirci di porre alcune domande e di fare collegamenti evidenti sul modo in cui vengono trattate le notizie scientifiche sullo svapo e sull'idrossiclorochina.

In questo dossier, stiamo parlando di due "potenziali" rimedi per due "pandemie" molto distinte che tuttavia ricevono un trattamento mediatico e scientifico abbastanza simile. Per prima cosa parliamo di Vape (o « svapo« ) che dal canto suo esiste da più di 15 anni ed è sempre più necessario come strumento per ridurre la dipendenza dal tabacco. Questo dispositivo elettronico che genera un aerosol contenente o non contenente nicotina ha il vantaggio di aiutare il fumatore a sostituire la sua dipendenza con un prodotto a rischio ridotto. Se lo svapo fosse considerato meglio dalla comunità scientifica, potrebbe ipoteticamente evitarne più di 7 milioni di morti a causa del fumo in tutto il mondo ogni anno.

Pour sa parte, idrossiclorochina è un farmaco (commercializzato come idrossiclorochina solfato con i marchi Plaquenil, Axemal (in India), Dolquine e Quensyl) indicato in reumatologia per il trattamento dell'artrite reumatoide e del lupus eritematoso sistemico per le sue proprietà antinfiammatorie e immunomodulante. In Francia, l'idrossiclorochina in tutte le sue forme è stata elencata dall'ordine del su Liste sostanze velenose. Con l'emergere della pandemia Covid-19 (coronavirus), questo "rimedio" viene spinto alla ribalta dalle autorità cinesi e in particolare dal Pr Didier Raoult, infectiologo e professore emerito di microbiologia francese. Se si conferma l'uso dell'idrossiclorochina come rimedio efficace, questa molecola potrebbe porre fine a una pandemia che ha confinato per mesi l'80% del pianeta e ucciso più di 380 000 persone attualmente (più di 6 casi confermato).

Allora, cosa stiamo aspettando? Perché non usiamo queste "formule magiche" adesso? Ebbene, sfortunatamente non tutto è così semplice. Tra dubbi, malafede e conflitto di interessi, i due “rimedi” hanno le ruote, a torto oa ragione.


Lo svapo, una soluzione contro il fumo?

STUDI SOSPETTATI E DÉRIMEDI NEGRENTAMENTE DISTRUTTIVI!


Allora cosa possono avere in comune questi due prodotti? Bene, parliamo prima del lato scientifico! Nel 2015, la sanità pubblica inglese (Public Health Inghilterra) è stato pronunciato a favore dello svapo dichiarando " di svapare il 95% meno dannoso del tabacco". Secondo lo studio di Public Health Inghilterra, lo svapo potrebbe essere un modo poco costoso per ridurre il consumo di tabacco nelle aree svantaggiate dove la percentuale di fumatori rimane alta. Sorprendentemente, questo studio dell'ente di sanità pubblica britannico lo era criticato violentemente da una rivista medica: The Lancet .

Nella sua editoriale, il famoso diario medico disse: " Il lavoro degli autori è metodologicamente debole ed è tanto più pericoloso per i conflitti di interesse circostanti dichiarati dal loro finanziamento, ciò solleva seri interrogativi non solo sulle conclusioni del rapporto PHE, ma anche sulla qualità del processo. 'esame.". Nonostante l'implacabilità di molti scienziati a favore dello svapo, incluso il Dr Konstantinos Farsalinos chi era espresso sull'argomento, questo tentativo di discretizzazione ha dato i suoi frutti degradando la potenziale veridicità delle parole di Public Health England. Ancora oggi, il dubbio scientifico rimane ed è in parte dovuto a questa pubblicazione della rivista medica "The Lancet". 

Per l'idrossiclorochina, è una lotta dello stesso tipo che sembra imporsi al mondo scientifico. Proprio come con lo svapo, ci sono quelli che sono "a favore" e quelli che sono "contro". Eppure c'è un attore che troviamo per entrambi i rimedi, è la rivista medica " The Lancet". Infatti, il 22 maggio, uno studio pubblicato sulla famosa rivista medica ha concluso che l'idrossiclorochina non era benefica per i pazienti con Covid-19 ospedalizzati e potrebbe persino essere dannosa. A seguito di questa pubblicazione, la Francia ha intrapreso l'abrogazione dell'esenzione che consentiva l'uso di questa molecola contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 e la sospensione delle sperimentazioni cliniche destinate a testarne l'efficacia. Una decisione importante anche se la pandemia non è ancora giunta al termine. 

Idrossiclorochina, una soluzione contro Covid-19?

Ma improvvisamente, sopraffatto dalle critiche degli scienziati di tutto il mondo, lo studio di " The Lancet Che era all'origine di una serie di divieti della molecola in diversi paesi, finalmente è crollato il 4 maggio 2020, dopo la ritrattazione di tre dei suoi quattro autori, tra cui il principale Mandeep Mehra. ' Non possiamo più garantire la veridicità delle fonti di dati primarie“, Scrivono i tre autori alla prestigiosa rivista che ha pubblicato il suo lungo studio il 22 maggio. Il motivo di questo ritiro: Surgisfera, la società che ha raccolto la montagna di dati utilizzati come base del proprio lavoro e guidata da Sapan Desai, quarto autore dell'articolo, si è rifiutata di dare accesso alle sue fonti, a causa di accordi di riservatezza con i propri clienti.

Se il mondo dello svapo attende ancora le scuse di " The Lancet Per quanto riguarda la sua denigrazione dello studio di Public Health England sulla sicurezza dello svapo nel 2015, è chiaro che il settimanale medico scientifico britannico è tutt'altro che "affidabile". In una recente intervista, il Pr Didier Raoult afferma: " LancetGate è un sintomo così comico che, alla fine, sembra I piedi nichelati fanno scienza. Questo non è ragionevole.". Da parte sua, il giornalista medico Jean-Francois Lemoine denuncia " uno studio fasullo "Affermando che" articoli scientifici a pagamento, questo è stato praticato per molto tempo".

Mancanza di serietà, conflitti di interesse o addirittura manipolazione dell'industria farmaceutica, resta difficile vedere la fine del tunnel che riguarda queste due truffe scientifiche. Nel frattempo, milioni di persone si trovano in pericolo mortale mentre i giochi oscuri si svolgono dietro le quinte.

 


MEDIA HANDLING, UNA BARRIERA INDIPENDIBILE PER LA SALUTE!


Come non parlare della manipolazione mediatica che ha il suo ruolo anche nel caso dello svapo come in quello dell'idrossiclorochina. Vere vittime di un apprezzamento più che approssimativo dei media, questi due “rimedi” sono oggetto di veri e propri dibattiti sociali che non dovrebbero aver luogo. Lontano da noi il desiderio di diventare giudice o parola divina quanto all'immancabile efficacia dello svapo o dell'idrossiclorochina, resta comunque possibile notare le differenze e soprattutto il trattamento illogico delle sfere mediatiche riguardo a queste potenziali soluzioni a due pandemie separate.

Nel caso dello svapo, sono passati anni da quando lo strumento di riduzione del rischio è stato elogiato e talvolta lanciato come cibo a gruppi estremisti che causano disagio non appena sentono la parola "nicotina". Con il tempo nulla cambia veramente e lo svapo continua a creare la divisione, ognuno dà la propria opinione sull'argomento e questo ovviamente viene fatto a scapito di un beneficio che potrebbe essere offerto ai pazienti fumatori.

Eppure è chiaro che questo "problema" ritorna inevitabilmente quando fa la sua comparsa un prodotto presentato come rivoluzionario e poco costoso. Oggi viviamo lo stesso dilemma con l'idrossiclorochina, una molecola poco costosa che potrebbe mostrare la sua efficacia. Allora come non tracciare il parallelo con il mondo dello svapo, che da anni combatte contro attacchi incessanti e ingiustificati ...

Se dalla nostra parte siamo convinti che nulla accade per caso e che lo svapo come l'idrossiclorochina disturba alcune industrie che desiderano realizzare grossi profitti con metodi inefficienti, chiaramente non vogliamo imporre la nostra visione delle cose. 

Pr Didier Raoult, specialista in malattie infettive e professore emerito

Tuttavia, come un cenno al destino, Pr Didier Raoult che difende l'idrossiclorochina come un inferno come trattamento per Covid-19 (coronavirus) sembra inconsapevolmente aver immaginato un parallelo con lo svapo che c'è anni.

In effetti, nel 2013, ha dichiarato : " In nome del principio di precauzione, proveremo a rallentare la cosa che sta combattendo contro il più grande killer. È una cosa straordinaria ”. Per lui, lo svapo potrebbe non avere un futuro nella lotta contro il fumo, proprio come l'idrossiclorochina potrebbe non avere nella lotta contro il Covid-19: « Mi sono detto, questa cosa non regge perché è un prodotto di pura innovazione che è sfuggito a tutti i circuiti '.

Ipotesi, anticipazione o realtà, solo il futuro ci dirà se il professor Didier Raoult ha capito tutto di queste due grandi pandemie ...

 

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.

Pop-up di Natale