Top banner
INDAGINE: La complicata posizione dello svapo in Portogallo

INDAGINE: La complicata posizione dello svapo in Portogallo

Se spesso si tratta del posto occupato dallo svapo in alcuni grandi paesi europei come Francia, Germania o Regno Unito, a volte sappiamo meno della posizione di altri come il Portogallo. Durante un viaggio per Lisbona, la redazione di Vapoteurs.net ha deciso di osservare e indagare per conoscere meglio la realtà sul campo. Presenza di vapers, commercio, legislazione e salute, ecco il nostro fascicolo speciale sul " posizione complicata dello svapo in Portogallo".


C'È VAPORE PER SALVARTI DAL FUMARE?


Benvenuti a Lisbona, magnifica capitale portoghese e paradiso turistico per diversi anni. Tuttavia, l'arrivo sul posto intriga, stupisce, non una sola nuvola di vapore nei dintorni. Passano diversi giorni ma ancora nessun vaper all'orizzonte, inoltre, essere un seguace del famoso dispositivo sembra attirare l'attenzione come se un estraneo stesse disturbando l'equazione locale.

Un inizio di spiegazione ci viene rivelato in un chiosco portoghese dove l'osservazione è chiara: il prezzo delle sigarette è abbordabile (5.00 € circa la confezione) e lo svapo è quasi assente e sostituito da un altro dispositivo di tabacco riscaldato firmato Philip Morris.

"La situazione dello svapo in Portogallo è molto instabile"  - Elio Sequeira

Siamo in una specie di multiverso o lo svapo non esiste ancora ? Armati della nostra curiosità, andiamo alla ricerca della pepita, la Holy Grail, in breve, di un semplice negozio di vaporizzatori.

Élio Sequeira, Manager di Aquasmoke Cascais / Creatore di Galaktika Liquids

Ed è a 30 chilometri a ovest della capitale, nella magnifica città di Cascais, che troviamo la nostra felicità. Il negozio Fumo d'acqua riserva infatti un sorridente benvenuto e le nostre domande sulla situazione dello svapo in Portogallo sono ben accette. Elio Sequeira, responsabile del negozio di vaporizzatori e produttore di e-liquid con il suo marchio " galassie Liquidi dà il suo punto di vista su questa complicata relazione tra lo svapo e il Portogallo.

Alla nostra domanda principale, risponde senza mezzi termini: “ La situazione dello svapo in Portogallo è molto instabile e rimane ancora fragile. "specificando l'attuale quadro economico" Nel 2017 i negozi erano circa 150, oggi sono meno di 100.«  .

 “La bottiglia di un booster di nicotina da 10 ml costa al cliente 5.25 €. »  - Elio Sequeira 

A titolo di confronto, la Francia ha più o meno 3000 negozi di vaporizzatori sul suo territorio e nel Regno Unito environ 2000. Mentre siamo soli nel negozio, Elio Sequeira ci fa una chiara e inquietante osservazione: “ I negozi faticano a cavarsela, il Portogallo resta un paese di fumatori dove le sigarette non sono costose. Inoltre la legge vieta qualsiasi forma di pubblicità e qui il TPD viene applicato nel modo più rigoroso” .

E infatti, se la maggior parte dei paesi soggetti alla direttiva europea sul tabacco sono abbastanza flessibili sullo svapo, questo non è il caso del Portogallo: “ Abbiamo una tassa di 3.25€ / 10ml di nicotina, chiaramente il flacone di un booster di nicotina da 10ml costa 5.25€ al cliente. » .

Peggio ancora, il manager di Aquasmoke ci rivela che lo svapo è in qualche modo più tassato del tabacco: " La tassa sulla nicotina è superiore a quella del tabacco, i negozi guadagnano 44 cent a bottiglia escluse spese di spedizione e tasse. Calcolando che un pacchetto di sigarette oggi costa 5 euro nel Paese, è facile valutare la causa delle difficoltà dello svapo in Portogallo. »

Ma cosa è successo in Portogallo anche se la riduzione del rischio attraverso lo svapo è ormai un dato di fatto? ?


POLITICA, SALUTE, LO VAPORE PRESO IN MORSO!


Come un paese come il Portogallo non ha potuto partecipare alla vera mania che lo svapo potrebbe suscitare dall'anno 2012 ? Per saperne di più, abbiamo ovviamente approfondito l'argomento con il nostro interlocutore. In realtà si tratta di un vero e proprio fallimento politico, sanitario ed economico orchestrato che ha impedito allo svapo di prendere il suo posto in un paese o più di 22% dei 20-54enni sono fumatori (Statistiche – 2019).

"I medici consigliano di svapare ma non vogliono commentare pubblicamente" - Elio Sequeira

Politicamente, il recepimento della direttiva sul tabacco ha fatto molto male allo svapo: “ In Portogallo, questo viene applicato rigorosamente e posso dirti che abbiamo avuto una multa di 1700 € a causa della foto di un dispositivo di vaporizzazione sul nostro sito. Il motivo della multa era chiaro, stavamo pubblicizzando prodotti del tabacco. »

Con dispetto, il gestore del negozio Aquasmoke vorrebbe capire la differenza di trattamento tra i Paesi europei sulla normativa vigente: “ So che in diversi paesi europei non sono obbligatori tutti i punti della direttiva tabacco, come la vendita a distanza ad esempio, eppure nel nostro paese è vietata anche se ci sono negozi che lo fanno.".

“Apparentemente il dispositivo Iqos non è interessato dalle restrizioni” - Elio Sequeira

Anche per quanto riguarda la salute, la situazione non sembra andare bene. Omerta, politica in cancrena? Eppure, in Portogallo pochissimi specialisti della salute osano difendere lo svapo: “ Non abbiamo nessun aiuto da questo lato, abbiamo parlato con alcuni medici dei nostri clienti che avevano consigliato loro di svapare ma non vogliono parlare pubblicamente » dice Elio prima di aggiungere « Va detto che nel 2019 un responsabile del servizio di pneumologia del Portogallo ha dichiarato in televisione che lo svapo era più pericoloso della sigaretta convenzionale".

Ancora Elio Sequeira è uno dei pochi veri difensori dello svapo in Portogallo e cerca di far sentire la voce della ragione nelle politiche sanitarie del Paese: " Nonostante i passi compiuti dalla nostra associazione APORVAP e le varie richieste di partecipazione a dibattiti per spiegare cosa sia realmente questo dispositivo di riduzione del rischio, bisogna capire che fino ad oggi abbiamo subito solo dei rifiuti. Il motivo addotto è che lo svapo è presumibilmente un argomento delicato.".

Se la nostra indagine finisce, una domanda ci graffia un po' la gola. Infatti, durante questo viaggio, se non abbiamo visto un solo vaper per le strade, il dispositivo a tabacco riscaldato di Philip Morris, Iqos è estremamente presente. Allora, cos'è successo ? Il tabacco riscaldato avrebbe preso il posto dello svapo in Portogallo ?

Per Elio Sequeira, c'è davvero un problema: Iqos è il prodotto di moda in Portogallo e sorprendentemente è presente nei grandi eventi che siano concerti o altro. Sono stato persino in grado di assistere a una scena davanti a un ristorante in cui una giovane donna stava pubblicizzando tabacco riscaldato offrendo il dispositivo. A priori, va inteso che l'Iqos non sembra interessato dalle restrizioni in vigore in Portogallo  ".

In conclusione, sembra chiaro che la posizione dello svapo in Portogallo se non viene completamente compromessa resta estremamente complicata. Ringraziamo molto Elio Sequeira per la sua accoglienza e la sua partecipazione a questo piccolo sondaggio. Ricordiamo che lo svapo è una vera alternativa al fumo per la riduzione del rischio che merita almeno di avere un posto nell'attuale dibattito sulla salute..

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.