Top banner
ECONOMIA: Non sorprendentemente, Juul è un successo in Francia!

ECONOMIA: Non sorprendentemente, Juul è un successo in Francia!

Nata nel 2015, la sigaretta elettronica Juul ha fatto un arrivo discreto ma molto notato in Francia. Nonostante le numerose controversie che lo circondano, Juul ha conquistato il 70% del mercato dello svapo negli Stati Uniti e la sua distribuzione ha molto successo in Francia. 


IL JUUL " CONDIVIDI COME PICCOLI PANE "!


« È come i rotoli. Non succede un giorno senza vendere un Juul“, Si rallegra questo manager di un negozio di sigarette elettroniche parigino. Il suo negozio è uno dei cinquanta che hanno avuto modo di vendere la Juul, questa nuova macchina da svapo, appena arrivata in Francia il 6 dicembre. " Il successo è tale che all'inizio la start-up non è riuscita a fornirci abbastanza. Aveva sottovalutato la richiesta“, Continua il dealer.

Sei settimane più tardi, rafforzato dagli ottimi ritorni dei concessionari " Juul lancia nuovi negozi ogni giorno", si congratula con se stesso Ludivine Baud, il CEO di Juul France. Parigi sta iniziando ad avere un'ottima rete e, sebbene ora ci siano solo due rivenditori nella regione, "stiamo lavorando alla nostra distribuzione in altre grandi città", aggiunge. 

Questa scatola è nata dal passaparola, poiché in Francia la start up californiana che produce la Juul non ha fatto pubblicità al suo arrivo. Non ne aveva bisogno: " La gente entra nel mio negozio dicendo: "Voglio Juul e ricariche di profumo del genere"“, Sottolinea il concessionario parigino. Probabilmente i francesi ne hanno sentito parlare anche sui media e sui social, che da mesi raccontano l'entusiasmo impressionante per Juul nel suo paese d'origine, gli Stati Uniti.

Per vedere se il celebre brand riuscirà ad affermarsi definitivamente sul mercato del vaping in Francia nei prossimi mesi. 

FonteBfmtv.com/

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.