SUDAFRICA: divieto totale del tabacco, una guerra di trincea inizia nel paese!

SUDAFRICA: divieto totale del tabacco, una guerra di trincea inizia nel paese!

Dallo scorso 27 marzo, vale a dire contemporaneamente all'inizio del reclusione in Sudafrica, è entrato in vigore nel Paese il divieto di vendita di sigarette. Oggi è una vera e propria guerra di trincea quella che è impegnata tra l'industria del tabacco, lo Stato sudafricano e i consumatori.


IL DIVIETO DEL TABACCO IN SUD AFRICA… DIFFICILE DA INGERIRE PER GRANDI TABACCHI!


La giustizia sudafricana ha aperto mercoledì il caso molto controverso del divieto di vendita di tabacco imposto per dieci settimane dalle autorità nell'ambito delle loro misure contro la pandemia di coronavirus. L'avvocato di un gruppo di produttori ha lanciato le ostilità in una prima udienza davanti all'Alta Corte nella capitale Pretoria, chiedendo l'annullamento definitivo del provvedimento governativo.

«È difficile immaginare una misura più draconiana di questo divieto totale, che ha chiuso un'intera industria (...) e causato così tanti danni"supplicò Arnold subel per la Independent and Fair Tobacco Association (FITA). "Non c'è nessun fatto nel file che possa giustificareTale decisione, ha aggiunto.

Il divieto di vendita di sigarette è entrato in vigore il 27 marzo in concomitanza con il rigoroso isolamento imposto a 57 milioni di sudafricani per fermare la diffusione del Covid-19 nel Paese. Questa decisione suscitò immediatamente la ribellione di fumatori, produttori e commercianti del settore, che negoziarono invano la ripresa delle loro attività.

Rilassando le misure di contenimento, il presidente Cyril Ramaphosa dal 1 giugno ha revocato il divieto di vendita di alcolici, ma ha mantenuto il divieto di sigarette "a causa dei rischi per la salute derivanti dal fumo'.

«È un atto di crudeltà, le persone sono disperate“, Ha lanciato mercoledì l'avvocato Subel al bar. "È il paradiso dei contrabbandieri", Ha insistito,"possono far pagare i prezzi che vogliono, mescolare i loro prodotti con quello che vogliono, renderli più avvincenti'.

Il divieto è già costato più di 300 milioni di rand (15 milioni di euro) in tasse al bilancio dello Stato, secondo il capo delle tasse, Edward Kieswetter. Più di 600.000 sudafricani hanno firmato una petizione per la fine del divieto e il numero 1 nel mercato sudafricano, la filiale locale del gigante British American Tobacco, ha anche presentato una denuncia contro il governo.

Fonte : lefigaro.fr

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.