Top banner
Nuova Zelanda: tra regolamentazione e adattamento, la sfida costante dello svapo tra i giovani.

Nuova Zelanda: tra regolamentazione e adattamento, la sfida costante dello svapo tra i giovani.

In un mondo in cui lo svapo tra i giovani continua a crescere, la Nuova Zelanda si trova a un bivio, cercando di regolamentare un mercato in continua evoluzione.

Il recente divieto del governo neozelandese sui vaporizzatori usa e getta solleva interrogativi sulla sua efficacia nell'arginare quella che potrebbe essere definita l'epidemia di svapo giovanile. Ricercatori e attivisti anti-vaping, come Lucy Hardie, accademica dell’Università di Auckland, sottolineano la capacità dell’industria dello svapo di adattarsi rapidamente alle nuove normative, evidenziando la necessità di un approccio più olistico.

Il governo aveva inizialmente preso in considerazione leggi antifumo più severe, incluso l’innalzamento graduale dell’età legale per l’acquisto di prodotti del tabacco, ma ha fatto marcia indietro di fronte alle critiche, optando invece per il divieto dei prodotti del tabacco usa e getta. L’industria, tuttavia, sembra ancora fare un passo avanti, offrendo alternative riutilizzabili e a basso costo che, pur rispettando i quadri legali, continuano ad attrarre i consumatori più giovani.

Dispositivi come i pod vaporizzatori, venduti da alcuni grandi distributori a prezzi ridicoli, permettono di mantenere un livello elevato di nicotina, favorendo così la dipendenza. Inoltre, le normative volte a limitare i sapori attraenti e a imporre dispositivi di sicurezza per i bambini sembrano già essere aggirate da ingegnose strategie di marketing e dalla disposizione fisica dei punti vendita.

Il gruppo Vape Free Kids, composto da genitori preoccupati, sottolinea il fatto che anche con normative più severe, i prodotti di svapo rimangono ampiamente accessibili e attraenti per i giovani. Suggeriscono che la chiave del problema sta nel tenere i prodotti lontano dalla portata dei giovani, rimuovendoli dai luoghi che visitano frequentemente.

Il ministro associato della Salute Casey Costello sottolinea l'impegno del governo nel ridurre i tassi di fumo, considerando il rafforzamento del quadro normativo sulla vendita di prodotti del tabacco e dello svapo. Tuttavia, la portata e la velocità dell’adattamento del settore dello svapo mettono in discussione l’efficacia delle misure attuali e future.

L’esempio della Nuova Zelanda riflette una sfida globale: trovare un equilibrio tra i potenziali benefici dello svapo per aiutare i fumatori a smettere di fumare e il rischio di una nuova generazione dipendente dalla nicotina, attratta da prodotti innovativi e attraenti. Le strategie di rapido adattamento dell’industria dello svapo richiedono un’attenta considerazione e normative anticipate per proteggere efficacemente le popolazioni più vulnerabili, in particolare i giovani.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore e corrispondente Svizzera. Vapoteuse da molti anni, mi occupo principalmente di notizie svizzere.