Top banner
Di fronte alle prime sanzioni contro la pubblicità illecita di svapo in Francia, scopri le uniche due soluzioni esistenti

Di fronte alle prime sanzioni contro la pubblicità illecita di svapo in Francia, scopri le uniche due soluzioni esistenti

Dal 20 maggio 2016 e dalla promulgazione dell'ordinanza di recepimento della direttiva europea sul tabacco nel diritto francese, è vietata la propaganda o la pubblicità, diretta o indiretta, a favore dei prodotti da svapo.

Sfortunatamente, questo non impedisce a molte aziende del settore dello svapo di continuare a dedicarsi alla pubblicità illecita. Problema, e questo è un ottimo primo, l'azienda AKIVA (che offre sigarette elettroniche "Wpuff" da Liquidéo) è stato appena condannato dal tribunale di Parigi per pubblicità illecita.

Questa decisione del tribunale non proprio banale potrebbe benissimo creare un precedente e deve ovviamente mettere in discussione il settore dello svapo francese sulla scelta dei canali di comunicazione.


UN SETTORE VAPE IN ALTA SORVEGLIANZA!


Con un mercato dello svapo che sta diventando più democratico e un fenomeno di "sbuffo" in forte espansione, ora è impossibile rimanere sotto il radar per i professionisti dello svapo. Se per anni il monitoraggio della propaganda e della pubblicità per lo svapo è rimasto pressoché inesistente, oggi è in atto una vera e propria caccia alle streghe.

Prima vittima: recentemente, il Comitato nazionale contro il fumo (CNC) non ha esitato a sequestrare il presidente del tribunale di Parigi per condannare la società akiva, editore del sito web Wpuff “, per pubblicità illecita a favore dello svapo. L'associazione è soddisfatta anche di questo" primo stop a strategie di marketing particolarmente aggressive dal marchio di svapo. Ancora più vigile dall'emergere delle sigarette elettroniche "a sbuffo", il NCTC aveva scoperto lo scorso febbraio i due siti web” www.wpuff.com "," wpuff.fr » oltre a un account Instagram del brand, destinato a un pubblico di lingua francese.

Secondo il giudice, questi siti sono in flagrante violazione della legge e prendono di mira specificamente " giovani consumatori“. Il giudice ha chiarito che: Gli inserti pubblicati, infatti, non si limitano ad informare il consumatore circa le caratteristiche oggettive ed essenziali dei prodotti da svapo, rispetto alla loro natura, composizione, utilità, condizioni d'uso o condizioni di vendita, ma costituiscono chiaramente messaggi pubblicitari. consumo dei prodotti venduti sul sito '.

Se la società akiva potrà impugnare la decisione, dovrà comunque rispondere di tali fatti dinanzi al Tribunale penale di Parigi all'udienza prevista per la prima metà del 2023.


CHI E COME COMUNICARE SUL VAPE IN FRANCIA?


Breve analisi del diritto

Se questa condanna provvisoria è la prima volta per il settore dello svapo in Francia, potrebbe avere abbastanza rapidamente un effetto valanga con la giurisprudenza che ne deriverà.

Infatti, oggi, come si legge nell'art L 3513-4 del Codice di Sanità Pubblica” è vietata la propaganda o pubblicità, diretta o indiretta, a favore dello svapo di prodotti ". Sia su a social network (Facebook, Instagram, TikTok) o su a sito/blog francese, il professionista dello svapo si assume quindi il rischio di un " manifesta violazione del divieto di ogni pubblicità » comunicando e non ha alcuna garanzia in caso di condanna dei media francesi (o europei) che offrono questa comunicazione illecita.


Articolo L3513-4 del codice di sanità pubblica
È vietata la propaganda o la pubblicità, diretta o indiretta, a favore dei prodotti da svapo.

Queste disposizioni non si applicano :

1° Alle pubblicazioni e ai servizi di comunicazione on line pubblicati dalle organizzazioni professionali di produttori, produttori e distributori di prodotti da svapo, riservati ai loro associati, né alle pubblicazioni professionali specializzate, il cui elenco è stabilito con decreto ministeriale firmato dai ministri responsabili della salute e comunicazione; né ai servizi di comunicazione online pubblicati su base professionale che sono accessibili solo ai professionisti della produzione, fabbricazione e distribuzione di prodotti per lo svapo;

2 ° Alle pubblicazioni stampate e pubblicate e ai servizi di comunicazione online messi a disposizione del pubblico da persone stabilite in un paese al di fuori dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, dove tali pubblicazioni e servizi di comunicazione online non sono principalmente destinati al mercato comunitario;

3° Manifesti relativi a prodotti da svapo, esposti all'interno degli esercizi commerciali che li vendono e non visibili dall'esterno.

Qualsiasi operazione di sponsorizzazione o patrocinio è vietata quando il suo scopo o effetto è propaganda o pubblicità diretta o indiretta a favore di prodotti di svapo.


Le soluzioni esistono: puoi affidare la tua comunicazione a due aziende...

Se sei un professionista dello svapo in Francia e vuoi comunicare con calma, solo due aziende possono attualmente consentirti di farlo legalmente.

  1. Il Vapelier OLF (Vapoteurs.net/Levapelier.com) perché l'azienda si è stabilita in Marocco, quindi fuori dall'Unione Europea e dallo Spazio Economico Europeo, e tutti i contenuti prodotti sono in più di 100 lingue. Il Vapelier OLF non si rivolge solo alla comunità o al mercato francese, tutt'altro, ma a tutti i vapers e a tutte le aziende di svapo nel mondo.
  2. Il Posto dello Svapo (PG/VG). Stesso approccio anche qui, visto che l'azienda si è stabilita in Svizzera (quindi ancora una volta fuori dal mercato della Comunità Europea), e pubblica tutti i suoi contenuti in almeno due lingue (incluso l'inglese). Si rivolge all'intero mercato francofono del pianeta, così come al mercato anglosassone.

Pertanto, salvo approvvigionamento Euro 300 000 (quale la multa per le spese pubblicitarie illegali), e pensando di passare qualche mese in carcere, non possiamo che consigliare a tutti i professionisti dello svapo di contattare queste due società, che sono le uniche in grado di veicolare legalmente le vostre comunicazioni.

Un'azienda ben informata ne vale due pare... va bene, contatta The Vaping Post e/o Le Vapelier OLF, e dormi sonni tranquilli.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.

Pop-up di Natale