Top banner
Top banner
SALUTE: Un numero di fumatori che non cala più! Possiamo spiegarlo?

SALUTE: Un numero di fumatori che non cala più! Possiamo spiegarlo?

È un fatto provato, dopo anni di continuo calo del fumo in Francia, la tendenza è stata interrotta nel 2020, secondo i dati di Salute pubblica Francia pubblicato mercoledì 26 maggio. Contesto sanitario, stress della popolazione, crisi sociale e precarietà… Questo stato di cose ha una vera spiegazione?


UN NUMERO DI FUMATORI CHE NON CADE E NON SI STABILIZZA!


Nel mezzo di una crisi sanitaria, il fumo colpisce particolarmente i più vulnerabili. Se l'agenzia " Salute pubblica Francia Non stabilisce un legame diretto con la crisi del Covid-19, tuttavia, permane la preoccupazione per le cause del numero di fumatori che non è più in diminuzione e che è preoccupante.

L'anno scorso, più di tre adulti di età compresa tra i 18 ei 75 anni su dieci hanno dichiarato di fumare almeno occasionalmente (31,8%) e un quarto al giorno (25,5%), indica l'agenzia sanitaria prima della Giornata mondiale senza tabacco, lunedì 31 maggio. Ciò segna una battuta d'arresto dopo diversi anni che hanno visto la percentuale di fumatori scendere dal 34,5% al ​​30,4% tra il 2016 e il 2019 e i fumatori giornalieri dal 29,4% al 24%.

Public Health France (SpF) qualifica i dati per il 2020 come stabilizzanti, perché " le variazioni nella prevalenza del fumo e del fumo quotidiano rispetto al 2019 non sono generalmente significative". D'altra parte, l'ente pubblico osserva " un aumento "Di" il fumo tra il terzo a reddito più basso della popolazione“, Il 33,3% dei fumatori giornalieri contro il 29,8% del 2019. Al contrario, nel terzo della popolazione con i redditi più alti, solo il 18% si dichiara fumatore quotidiano.

Un altro elemento è motivo di preoccupazione: " nel 2020, il 29,9% dei fumatori giornalieri aveva tentato di smettere di fumare per almeno una settimana negli ultimi 12 mesi", Una proporzione" in significativo calo rispetto al 2019 (33,4%)".

Questi dati provengono dal barometro realizzato ogni anno da SpF, un'importante indagine sui temi della salute condotta telefonicamente tra 14.873 persone tra gennaio e marzo 2020 poi tra giugno e luglio dello stesso anno.


IL CONTENIMENTO HA GIOCATO UN RUOLO PER I BURALISTI!


Per i tabaccai e alcuni funzionari del settore "tabacco", il confinamento avrebbe giocato un ruolo enorme in questa stagnazione del numero di fumatori in Francia. In effetti, il confinamento richiede, molti fumatori non acquistano più all'estero e si ritrovano contati nelle vendite francesi. Così avverte un tabaccaio eletto, alcuni tabaccai hanno aumentato le loro vendite del 400% durante questi periodi a seguito dell'impossibilità di recarsi in Lussemburgo, Svizzera, Spagna o Andorra. È quindi una scommessa sicura che il numero di fumatori non sia realmente stagnante ma che quest'anno sia più vicino alla realtà poiché tiene conto di tutti i fumatori in Francia e non solo di quelli che acquistano nel paese.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.