Top banner
SOCIETÀ: svapare o fumare, per il 50% dei francesi è la stessa nocività!

SOCIETÀ: svapare o fumare, per il 50% dei francesi è la stessa nocività!

L'osservazione è edificante e l'immagine dello svapo sta ormai crollando nelle menti dei francesi. In un recente comunicato stampa, Vapotage Francia denuncia la diffidenza dei francesi nei confronti della sigaretta elettronica, probabile conseguenza di una massiccia disinformazione in materia da anni.


TABACCO E SVAPORE, UGUALI COME UGUALI?


Questo è il desolante risultato degli attacchi allo svapo e dell'assenza di una chiara presa di posizione da parte delle autorità pubbliche nei confronti di questo prodotto: il 52,9% dei francesi ritiene che le sigarette elettroniche siano altrettanto o più dannose di quelle tradizionali ! La maggioranza dei francesi mette così sullo stesso piano una piaga (il tabacco: primo rischio di tumori evitabili) e lo strumento più utilizzato ed efficace per uscirne.


La lotta contro il fumo in Francia si è esaurita

Con il 31,9% dei fumatori, la Francia ha riguadagnato il tasso di prevalenza del fumo del 2017 ed è permanentemente uno dei peggiori studenti dell'Unione europea nonostante il dispiegamento di politiche di salute pubblica forti e ambiziose.

Come raggiungere allora gli obiettivi della Strategia decennale per la lotta contro il cancro (2021-2031) e in particolare raggiungere una generazione senza tabacco nel 2030?

Il tempo sta per scadere, ma per questo la Francia dovrebbe contare davvero su tutte le leve esistenti, e in particolare sulla pluralità di soluzioni offerte ai fumatori, medicinali e non, di cui lo svapo è una.


Dai davvero ogni possibilità allo svapo

Lo svapo è lo strumento più utilizzato ed è considerato il più efficace per smettere di fumare. Contrariamente alla percezione della maggioranza rilevata in questo Barometro, la sigaretta elettronica contiene il 95% in meno di sostanze nocive rispetto alla tradizionale sigaretta di tabacco. In particolare è privo di tabacco e privo di combustione (principale causa di cancro nelle tradizionali sigarette di tabacco).

A riconoscere l'interesse dello svapo è la scelta fatta dal Regno Unito che, in meno di 10 anni, ha ridotto di molto il proprio tasso di prevalenza del fumo, oggi 3 volte inferiore a quello della Francia (13,3%).

Affinché la Francia intraprenda la stessa strada, sarebbe necessario che:

  • Le autorità pubbliche comunicano in modo chiaro e fattuale sullo svapo, sulla base di studi scientifici,

  • il settore dello svapo ha finalmente un quadro normativo adeguato ai suoi prodotti e alle sue problematiche sostenere lo sviluppo responsabile del settore.

Ma partiamo:

  • mantenere l'autoregolazione, che è necessariamente imperfetta, invece di regolamenti dedicati, legittimamente attesi da un settore che esiste da più di 10 anni;

  • istituire pratiche di marketing e vendita rivolte a minori e non fumatori, mentre questo prodotto è destinato esclusivamente ai fumatori adulti.

Risultato: i francesi diffidano della sigaretta elettronica e tra questi molti consumatori appartenenti a categorie socio-professionali svantaggiate, particolarmente preoccupate dal consumo di tabacco.

Il tabacco è il fattore di rischio prevenibile numero uno per il cancro. È giunto il momento di promuovere la sigaretta elettronica presso i fumatori adulti, uno strumento la cui efficacia è riconosciuta per smettere di fumare.

E se la giustificazione è la mancanza di studi scientifici condotti in Francia, in linea con il contesto sociologico del fumo nel nostro Paese, allora è altrettanto urgente avviare tali studi senza indugio.

Per visualizzare integralmente il comunicato stampa, andare qui.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.