Top banner
STATI UNITI: 22,5 milioni di dollari, il colosso dello svapo Juul deve andare in cassa!

STATI UNITI: 22,5 milioni di dollari, il colosso dello svapo Juul deve andare in cassa!

sorta di epifenomeno, Juul ha fatto scalpore per diversi anni nella terra dello Zio Sam. Da diversi mesi accusato di aver preso di mira gli adolescenti nella sua strategia di marketing, il marchio si trova ora costretto a pagare la “cacca”. Il colosso americano dello svapo deve ora pagare 22,5 milioni di dollari allo Stato di Washington.


JUUL, GUADAGNO PRIMA DELLA SALUTE?


È un duro colpo per lo svapo negli Stati Uniti e soprattutto per un attore diventato storico in pochi anni: Juul. In effetti, il marchio dovrà ritirare il suo libretto degli assegni. Il produttore statunitense di sigarette elettroniche ha accettato di pagare 22,5 milioni di dollari in una causa negli Stati Uniti, secondo il procuratore generale dello Stato di Washington.

Quest'ultimo lo accusa in particolare di aver preso di mira gli adolescenti nella sua strategia di marketing. L'azienda, che vende vaporizzatori in vari gusti tra cui mango e crème brûlée, non ha ammesso alcun illecito ma ha accettato di limitare i suoi annunci. Juul Labs ritirerà quindi gli annunci rivolti ai giovani, anche sui social network. Si impegna inoltre a lavorare affinché i suoi negozi nello Stato di Washington non vendano prodotti a minorenni.

  » Juul mette i profitti prima delle persone “, ha affermato il procuratore generale Bob Ferguson, che ha avviato la denuncia nel 2020. “ L'azienda ha alimentato un aumento vertiginoso dello svapo adolescenziale. Il comportamento di Juul ha invertito decenni di progressi nella lotta alla dipendenza da nicotina ", Ha aggiunto. Affermazioni disoneste anche se il modello americano è basato sul fare soldi prima di tutto.

Insomma, mentre Mc Donalds, Coca-Cola o le aziende del tabacco possono lavorare in tutta tranquillità, Juul si trova improvvisamente costretta a pagare per le pentole rotte di un sistema che non è proprio equo e giusto. 

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.