TABACCO: Philip Morris annuncia che vuole fermare definitivamente la produzione di sigarette!

TABACCO: Philip Morris annuncia che vuole fermare definitivamente la produzione di sigarette!

Vera consapevolezza o ennesimo annuncio di “big bang” per creare il “buzz”. Martedì scorso, l'azienda del tabacco Philip Morris con sede in Svizzera ha annunciato di voler " interrompere definitivamente la produzione di sigarette tradizionali".


OBIETTIVO: VENDERE SOLO PRODOTTI ALTERNATIVI AL TABACCO TRADIZIONALI


Il numero di consumatori svizzeri che utilizzano prodotti alternativi da Philip Morris è raddoppiato in un anno raggiungendo i 100 follower. Sulla base di questa osservazione, il gruppo ha annunciato l'intenzione di cessare definitivamente la produzione delle sigarette tradizionali.

Philip Morris spiega l'ascesa della sigaretta elettronica (o meglio del tabacco riscaldato) dalle sue stesse iniziative: " Il nostro obiettivo è vendere solo prodotti alternativi alle sigarette tradizionali" , dice Edith Helmle, medico e senior manager nel settore scientifico e medico di Philip Morris.

Il gruppo vuole raggiungere questo obiettivo " il più presto possibile". " Non possiamo dire quanto tempo ci vorrà, ma siamo sulla buona strada“, Specifica il manager.

Philip Morris, la cui sede europea è a Losanna e che ha un centro di ricerca e sviluppo a Neuchâtel, impiega solo due persone per la gestione delle sigarette tradizionali, le altre sono dedicate al sistema del tabacco riscaldato " IQOS“, Specifica il capo dell'azienda Dominique Leroux.


TABACCO CALDO… SIGARETTA ELETTRONICA… NESSUNA DIFFERENZA PER PHILIP MORRIS!


Sorprendentemente, il produttore di sigarette Philip Morris continua a passare il suo sistema di tabacco riscaldato IQOS per una semplice sigaretta elettronica che mette in dubbio la sua potenziale nocività.

La società del tabacco afferma che la sua soluzione " non è senza rischi", Ma quello" d95% di componenti tossici in meno rispetto alle sigarette, perché questo sistema riscalda il tabacco anziché bruciarlo". Ricordiamo di sfuggita che il " 95% meno dannoso Viene da un rapporto di Public Health England (PHE) e si riferisce ai prodotti di svapo.

Per quanto riguarda i tragici eventi che si sono verificati negli Stati Uniti, Edith Helmle esprime il suo punto di vista: " Queste deplorevoli morti sono, a nostro avviso, più probabili da riscontrare nelle sostanze che sono state utilizzate e che non avrebbero dovuto esserci. Come per esempio la marijuana o l'olio di vitamina E.".

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.