Top banner
Tasse e svapo, a che punto siamo?

Tasse e svapo, a che punto siamo?

Negli Stati Uniti, la tassazione dei prodotti da svapo nel 2024 presenta un panorama variegato, con aliquote fiscali specifiche per stato che riflettono un'ampia gamma di politiche pubbliche. Questa varietà si spiega con i diversi approcci adottati dagli Stati per regolamentare il consumo di questi prodotti, considerati da alcuni come un'alternativa meno dannosa al fumo tradizionale, e da altri come un potenziale vettore di iniziazione alla nicotina per i giovani e i non fumatori.

Le aliquote fiscali per i prodotti da svapo negli Stati Uniti variano ampiamente, da nessuna tassa in alcuni stati a tasse particolarmente elevate in altri. Per esempio, Il Minnesota ha l'aliquota più alta con un'imposta del 95% sul prezzo all'ingrosso, seguito da vicino dal Vermont con un'imposta del 92%​​​​. Altri stati, come Delaware, Kansas, Louisiana, North Carolina e Wisconsin, hanno tasse tra le più basse, pari a 0.05 dollari/ml.

È importante notare che non esiste alcuna tassa federale sui prodotti da svapo, anche se tale tassa potrebbe essere presa in considerazione in futuro. Finora, Più di 30 stati hanno implementato tasse su questi prodotti, evidenziando un cambiamento notevole rispetto al 2015, quando solo tre stati e il Distretto di Columbia imponevano una tassa sullo svapo.

L’implementazione delle tasse sui prodotti da svapo si inserisce in un contesto più ampio di regolamentazione di questi prodotti, con crescenti preoccupazioni circa il loro impatto sulla salute pubblica, in particolare tra i giovani. Sebbene lo svapo sia spesso presentato come un’alternativa meno pericolosa al fumo, i dibattiti sul suo potenziale ruolo come “effetto gateway” per il fumo giovanile stanno contribuendo a ulteriori normative e tasse.

La diversità delle tasse e delle normative riflette la complessità dei dibattiti in corso su come affrontare i prodotti dello svapo nella politica sanitaria pubblica. Mentre alcuni sostengono un aumento della tassazione e della regolamentazione per scoraggiarne l’uso, altri sostengono un approccio più sfumato che riconosca il potenziale di riduzione del danno dello svapo rispetto al fumo tradizionale.

Tassazione dei prodotti da svapo in Europa è un tema complesso e in continua evoluzione, con politiche che variano notevolmente da Paese a Paese. Attualmente, la direttiva europea sulla tassazione del tabacco, che impone tasse minime per le sigarette e altri prodotti del tabacco, non include specificamente i prodotti da svapare. Tuttavia, sta crescendo la pressione per integrare questi prodotti nel quadro normativo esistente, al fine di armonizzare le politiche fiscali tra gli Stati membri dell’UE.

Alcuni Stati membri hanno già implementato tasse specifiche sui prodotti da svapo, con strutture fiscali che differiscono da paese a paese. Il Belgio, ad esempio, prevede di introdurre da ora (0,15) una tassa di 2024 euro al ml sui liquidi da svapare.. Questo approccio si inserisce in una tendenza più ampia volta a regolamentare il settore attraverso la tassazione, sperando di ridurre il consumo di questi prodotti.

È fondamentale che qualsiasi nuova direttiva fiscale dell’UE tenga conto del concetto di riduzione del danno, tassando i prodotti dello svapo in modo da riflettere il loro danno relativo rispetto ai prodotti del tabacco più tradizionali. Gli studi suggeriscono che i prodotti da svapare sono significativamente meno dannosi delle sigarette, sollevando dubbi sull’opportunità di una tassazione elevata che potrebbe dissuadere i fumatori dal passare ad alternative meno pericolose.

Gli attuali dibattiti sulla tassazione dei prodotti da svapo in Europa riflettono una tensione tra la necessità di proteggere la salute pubblica, ridurre il consumo di tabacco e promuovere alternative meno dannose. L’adozione di un approccio fiscale proporzionale al rischio relativo dei diversi prodotti potrebbe offrire una strada per raggiungere questi obiettivi, riducendo al minimo gli effetti negativi sui consumatori a basso reddito ed evitando un aumento del mercato nero.

La decisione finale dell'UE sulla tassazione dei prodotti da svapo avrà importanti implicazioni per il futuro del consumo di nicotina in Europa. È essenziale che la legislazione rifletta un equilibrio tra la tutela della salute pubblica e la promozione della riduzione del danno, tenendo conto delle prove scientifiche disponibili e dei potenziali impatti economici sui consumatori e sull’industria.

In Francia, le normative relative ai prodotti da svapo non hanno subito grandi modifiche di recente e attualmente non ci sono dibattiti o proposte di legge sul tavolo riguardanti questi prodotti. L'agenda del presidente Emmanuel Macron non include alcuna politica specifica relativa ai prodotti di svapo e le elezioni legislative del 2022 non hanno concesso la maggioranza al presidente rieletto, rendendo più difficile qualsiasi approvazione politica.

Per quanto riguarda le norme specifiche per lo svapo in Francia, è autorizzato l'acquisto e l'utilizzo di prodotti da svapo, con un limite di età di 18 anni. I succhi e i kit da svapare sono disponibili per l'acquisto nelle tabaccherie o nei negozi specializzati in tutto il Paese. È importante notarlo non sarà possibile acquistare succo di svapo con una concentrazione di nicotina superiore a 20 mg, né normalmente ottenere un serbatoio o un vaporizzatore usa e getta con una capacità di succo di svapo superiore a 2 ml, in conformità con la normativa.

Ecco un rapido aggiornamento sulla situazione relativa alla tassazione del vaping nel mondo alla fine del 1° trimestre 2024.

Ci vediamo tra tre mesi per un aggiornamento, e nel frattempo sosteniamo più che mai l'iniziativa “Je Suis Vapoteur” #JSV.

Vapoteurs.net

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

CEO di Vapelier OLF ma anche editore di Vapoteurs.net, è con piacere che lascio la mia penna per condividere con voi le notizie dello svapo.