TRIBUNE: Vapotage, le nostre politiche al momento della scelta!

TRIBUNE: Vapotage, le nostre politiche al momento della scelta!


Vaping: le nostre politiche al momento della scelta
da Vincenzo Durieux, Presidente di France Vapotage


L'Europa è impegnata nella revisione di due direttive che influenzeranno il futuro dello svapo. In quale modo ? Tutto dipende, in verità, dall'interpretazione che i nostri leader politici faranno del principio di precauzione, uno dei pilastri delle nostre politiche pubbliche, sancito dalla Costituzione francese come nei Trattati europei.
Questo principio guida i nostri decisori pubblici. Consiste, nel caso di rischi comprovati, nell'evitare il più possibile danni gravi e irreversibili e, nel caso di rischi ipotetici, nell'incoraggiare programmi di ricerca per fugare il dubbio. Si tratta quindi di un principio “illuminato” di azione pubblica, e non di “non azione”.

Vincent Durieux, Presidente di France Vapotage

E il nostro argomento? Il rischio del fumo è provato e maggiore, la combustione del tabacco è cancerogena, responsabile di decine di migliaia di morti premature ogni anno. Il rischio dello svapo è ipotetico e, secondo le migliaia di studi scientifici già effettuati (già più di dieci anni fa), indubbiamente meno importante di quello legato alle sigarette. Lo svapo è notevolmente meno dannoso perché la sigaretta elettronica non contiene tabacco (inoltre il tabacco riscaldato non è vaping).

Logicamente, quindi, alcuni politici indicano chiaramente il tabacco come il nemico assoluto e lo svapo come una delle soluzioni. Questo è il ragionamento alla base della strategia di riduzione del danno del Regno Unito. Questo è anche ciò che porta, in Francia, l'Accademia Nazionale di Medicina a raccomandare ai fumatori di passare allo svapo "senza esitazione", il che giustifica l'integrazione dello svapo nelle campagne pubbliche come il Mese senza tabacco e nelle comunicazioni della Sanità Pubblica Francia e del National Cancer Institute.

Eppure questo principio di precauzione è spesso fuorviante oggi. Così, in nome della ricerca della sicurezza assoluta, altri decisori voltano le spalle a soluzioni pragmatiche, diffidano dell'innovazione, preferiscono stare fermi o peggio, portano a misure controproducenti. Lo svapo ne è l'esempio perfetto: invece di supportare l'industria per permetterle di svilupparsi in modo responsabile - nell'interesse dei consumatori attuali e futuri, nonché delle imprese e soprattutto della società - esiste la tentazione di "uccidere" il prodotto con il rischio di rallentare fortemente la lotta al fumo.

Per loro, con il pretesto che alla fine e nel lungo periodo ci sarebbero dei rischi, lo svapo deve essere combattuto allo stesso modo del tabacco. In nome di questa interpretazione sbagliata del principio di precauzione, la sigaretta elettronica resta vittima di aggressioni, denigrazioni, messaggi ansiosi e perfino falsità. Pertanto, nella sua relazione del 20 maggio sull'applicazione della cosiddetta direttiva TPD, la Commissione europea, in contraddizione con i dati noti, indica "le conseguenze delle sigarette elettroniche sulla salute" e "il ruolo importante che esse svolgono nella l'inizio del fumo ”, per invocare infine“ l'applicazione del principio di precauzione e il mantenimento dell'approccio prudente fino ad ora adottato ”.

Alla fine siamo a metà del guado. Da un lato incoraggiamo la pratica, dall'altro la stigmatizziamo!

Lasciamo che lo svapo si sviluppi ma non supportiamo l'industria e milioni di consumatori nell'accesso a informazioni migliori.

Stiamo annunciando una "generazione senza tabacco" ma allo stesso tempo stiamo valutando di limitare l'accessibilità dei prodotti da svapo, o addirittura di limitare il numero di aromi disponibili, che è un fattore essenziale nel processo di riduzione e smettere di fumare.

Sosteniamo una pratica di consumo controllata e sicura ma non permettiamo al settore di avere normative adeguate per tutti gli e-liquid, preferendo lasciare il settore per 10 anni ... per autoregolarsi!

Paradossi o addirittura sciocchezze dannosi per la salute pubblica e che troppo spesso creano confusione nella mente dei fumatori in cerca di soluzioni.

È urgente ricollegarsi ai fondamenti del principio di precauzione. A nostro avviso, ciò implica agire in tre direzioni rispetto ai nostri prodotti:

  • Fai di tutto per accelerare e amplificare l'uscita dal fumo.

Milioni di europei continuano a fumare nonostante i rischi comprovati e tutte le forti misure adottate negli ultimi anni: aumenti dei prezzi, divieto di fumo in spazi chiusi aperti al pubblico, introduzione del pacchetto neutro, campagne di sensibilizzazione ... In Francia, in particolare, la prevalenza del fumo difficilmente cambia nonostante queste misure.

La sigaretta elettronica è un potente alleato: è lo strumento più utilizzato, e il più efficiente, smettere di fumare. Una soluzione inventata da un ex fumatore, provata da milioni di persone che fino ad ora non erano riuscite a smettere di fumare grazie ad altri ausili disponibili, in particolare ai farmaci.

Se la priorità è davvero quella di ridurre il più possibile la prevalenza del fumo, allora il passaggio dal fumo allo svapo deve essere incoraggiato e sostenuto, e non indebolito da posizioni ambigue che confondono deliberatamente tabacco e svapo, o decisioni che lo ostacolerebbero. ' accessibilità (prezzo, aromi, luoghi di vendita, ecc.). Il pericolo c'è: l'ultimo barometro effettuato per France Vapotage dall'istituto Harris Interactive rivela che la maggior parte dei vapers potrebbe probabilmente ricadere nel fumo in caso di aumento del prezzo (64%), restrizione dell'accessibilità dei prodotti (61 %), restrizione degli usi negli spazi pubblici (59%) o divieto di aromi diversi da "aroma di tabacco" (58%).

  • Garantire la qualità e la sicurezza di tutti i prodotti di svapo.

In Francia e più in generale nell'Unione Europea, un certo numero di obblighi e controlli garantiscono la qualità dei prodotti, la sicurezza dei consumatori adulti e la tutela dei minori.

France Vapotage chiede la creazione di un quadro normativo rafforzato e soprattutto specifico per lo svapo, al fine di fare una netta distinzione con il tabacco, per rassicurare completamente i vapers, per evitare ogni rischio e ogni sospetto. Il divieto di vendita ai minori deve continuare ad essere rispettato. È un principio intangibile.

Inoltre, oggi, i liquidi che contengono nicotina sono giustamente soggetti a uno stretto controllo, cosa che non è il caso dei prodotti senza nicotina. L'armonizzazione è necessaria, perché il quadro deve coprire tutti i prodotti e la loro composizione. Certamente, molti professionisti hanno preso l'iniziativa. Ma questa autoregolamentazione non è equivalente alla regolamentazione e soprattutto non è sostenibile a lungo termine. Per una volta, se il principio di precauzione deve guidare l'azione pubblica, è qui: come spiegare che permettiamo a un settore di svilupparsi senza dargli un quadro normativo pulito e soddisfacente?

Anche in questo caso, il nostro ultimo barometro mostra il sostegno dell'opinione pubblica alle misure che proponiamo: il 64% dei francesi (e il 78% dei vapers!) È favorevole a normative diverse per i prodotti legati al tabacco e per i prodotti legati allo svapo.

  • Basare il processo decisionale su una ricerca indipendente, solida e convincente.

Esistono numerosi studi indipendenti che dimostrano, tra le altre cose, che il vapore prodotto dalle sigarette elettroniche contiene almeno il 95% in meno di sostanze tossiche rispetto al fumo di sigaretta.

In linea con il principio di precauzione, è necessario effettuare ulteriori studi per chiarire gli effetti dello svapo sulla salute dei consumatori e di coloro che li circondano, in particolare a lungo termine. Ma ad oggi nessuno studio serio e indiscusso ha dimostrato un rischio associato alla pratica dello svapo: allo stato attuale delle conoscenze scientifiche nulla giustifica discorsi allarmistici.

È giunto il momento, sia per la Francia che per l'Unione europea, di scegliere. Se le autorità pubbliche dichiarano guerra allo svapo, i risultati sono noti, sono stati osservati ad esempio in Italia nel 2017: aumento della prevalenza del fumo, collasso economico del settore e tagli di posti di lavoro, sviluppo di un mercato nero per i prodotti dello svapo, e infine fiscale ricavi molto inferiori a quanto stimato.

L'altro modo è cogliere collettivamente l'opportunità storica rappresentata dallo svapo contro il fumo, sostenendo un settore ancora giovane nel suo sviluppo responsabile a tutela dei consumatori.

 

,BEH 14-15, maggio 2018, Giornata mondiale senza tabacco;
Guignard R, Richard JB, Pasquereau A, Andler R, Arwidson P, Smadja O, et al; il gruppo Barometro della salute 2017. Tentativi di smettere di fumare nell'ultimo trimestre del 2016 e collegamento con il mese senza tabacco: primi risultati osservati nel Barometro della salute 2017. Bull Epidémiol Hebd. 2018; (14-15): 298-303. http://invs.santepubliquefrance.fr/beh/2018/14-15/2018_14-15_6.html.
, Hajek P Ph.D., Anna Phillips-Waller, B.Sc., Dunja Przulj, Ph.D., Francesca Pesola, Ph.D., Katie Myers Smith, D.Psych., Natalie Bisal, M.Sc., Jinshuo Li, M.Phil., Steve Parrott, M.Sc., Peter Sasieni, Ph.D., Lynne Dawkins, Ph.D., Louise Ross, Maciej Goniewicz, Ph.D., Pharm.D., Et al . Uno studio randomizzato di sigarette elettroniche rispetto alla terapia sostitutiva della nicotina. N Engl J Med 2019 30 gennaio; [e-pub]. (https://doi.org/10.1056/NEJMoa1808779)

 

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.